giovedì 18 agosto 2016

PASTA FRESCA CON FIORI DI ZUCCA,RICOTTA LIMONE E CACIOCAVALLO




 




Ultimamente su questo blog ho fatto promesse da mercante lo so,almeno ne sono consapevole ; ) uh!!! Ma sono troppo di corsa facendo mille cose e tutte belle,lavori di cucito,torte,viaggi,cucina,orto sinergico,sono tanto tanto contenta oh!!!! Ma questo posticino a me è tanto caro e anche se ogni tanto sono assente poi ci torno eccome se ci torno,con belle ricettine e tante tante foto : )   
Voglio  tornare anche per continuare il discorso dell’ORTO SINERGICO delle soddisfazioni che mi sta dando ma anche dei dispiaceri,le soddisfazioni sono tante perché le pianticelle sono cresciute tutte sinergicamente tra di loro sempre più belle ho anche raccolto i bei frutti,erba cipollina,basilico (rosso,napoletano,genovese),insalata meravigliosa,(romana,jcemberg,)fiori di  zucca,zucchine,salvia,menta,calendula,spinaci, carote rosse,fagiolini,bietola,prezzemolo,sedano carote,porri,rucola,cipolle.Sono anche cresciute delle spighe di grano dai semi che c’erano nella paglia della pacciamatura.Ma come sono andate avanti le pianticelle buone così è successo anche per le infestanti,tantissimeeeeee!!! Ma tolte un po le più ingombranti, così come vuole l’orto sinergico, le ho lasciate convivere pacificamente 
; ) poi però i guai non mancano mai nella vita come nell’orto sinergico allora già dopo aver superato uno sbalzo di temperatura fortissimo è sopraggiunta una prima grandinata che ha distrutto un po di piantine, eh! Vabbè pazienza succede ma mai avrei immaginato che ne arrivasse un altra con grandine grossa come albicocche,che dolore tutto distrutto i bellissimi pomodori acerbi tutti staccati,le piante di zucchine,le zucchine stesse tutte distrutte,un disastro!!! Poi con l’umidità sono arrivate anche le limacce,uh! Quelle mi fanno impazzire allora mettici la cenere,niente! Mettici la polvere di caffè e niente! mettici il caffè concentrato niente! Non se ne può più!!!!!!! Sto a raccogliere limacce dalla sera alla mattina non so fino a quando resisterò,anche se sembra che ubriacarle con la birra le attira moltissimo,ma per recuperarle ci vuole uno stomaco particolare che io non ho!!!! Ora lento lento sembra che si sta riprendendo : ) e io ci spero tanto.Anche se è ancora presto e che ci vorranno anni sono già molto ma molto soddisfatta.
La ricetta che ho fatto questa estate usando anche i prodotti dell’orto mi è piaciuta tantissimo,l’avevo mangiata in riva al mare a Paestum  e l’ho rifatta con prodotti caseari del mio paesello che sono eccezzionali,ho sostituito la ricotta di bufala e il caciocavallo con ricotta di mucca e caciocavallo Irpino,sono buonissimi entrambi se si riesce a trovare la qualità.
PASTA FRESCA CON FIORI DI ZUCCA,LIMONE,RICOTTA E CACIOCAVALLO

Ingredienti :
Pasta fresca
Limone(possibilmente della costiera Amalfitana)
Ricotta (bufala o vaccina)
Caciocavallo
Fiori di zucca
Una piccolissima zucchina
Basilico 
Aglio
Olio evo,sale,pepe.


ho messo del buon olio ex di oliva in una padella dipende quanta pasta vuoi condire bisogna comunque essere generosi,uno spicchio di aglio schiacciato che poi va tolto e una tenera zucchina a pezzettini sottili vanno saltati e dorati appena,mettere poi i fiori di zucca a pezzettini buccia di limone grattugiata un po di basilico e scaldare appena ,poi aggiungere anche il succo di mezzo limone tutto dipende dal gusto io ho fatto una spruzzatina, ho aggiunto la ricotta e spento,nel frattempo cuocere la pasta (fresca)io ho usato delle trofiette,buttare nella padella che nel frattempo ho riacceso ho saltato e aggiunto il caciocavallo semistagionato tritatissimo acqua di cottura della pasta quanto basta,un po di pepe ancora un salto e sono pronti.










giovedì 9 giugno 2016

ORTO SINERGICO

Il 2016 è l’anno dei miei cin. quanta anniuna tappa importante nella vita,con la voglia di fare tante cose con la forza e l’esperienza che tutti questi anni portano con se,tra le tante cose una di queste è L’ORTO SINERGICO un orto naturale, biologico,nato in Giappone ed elaborato per il clima mediterraneo da una coltivatrice spagnola Emilia Hazelip.Era da tempo che avevo letto di quest’orto particolare basato sulla sinergia delle piante,un orto con poche regole da seguire ma fondamentali: non arare e zappare,non comprimere la terra,(fare dei bancali di terra e dei solchi per il passaggio) pacciamare(coprire i bancali con materiale vegetale, paglia, foglie secche,etc) così come in natura che la terra non è mai nuda.Così appena ho potuto e sono smesse le piogge, ho iniziato a preparare i bancali,c’era un venticello freddo e il lavoro è stato molto duro ma l’ho fatto lo stesso poi guardando i miei vicini che coltivano gli orti e hanno più di 70 anni mi davano la forza di continuare,avevo anche l’aiuto della mia dolce metà ;-) allora zappa ,vanga,scava,estirpa,ogni tanto alzavo la schiena e vedevo qualche lucertolina che veniva a trovarmi e pensare ben vengano le amiche dell’orto sinergico,che mangerà tutti i parassiti che si attaccheranno alle piantine.Sinceramente il lavoro e la stanchezza è stata tanta,mi è capitato di parlare alle piante al mio cane e gatto,ma con i lombrichi mai,mentre scavavo ne ho trovati tanti,e “li ho rassicurati dicendo che non li avrei più disturbati,” ah ah! Sì perché l’orto sinergico serve proprio a questo a far lavorare i lombrichi in modo da  smuoverla e fertilizzarla naturalmente.Stando nell’orto,si trova una pace che non ha eguali,si sentono ogni tipo d’insetto,uccellini le cornacchie che stanno sempre a gracchiare e ne ho viste due  che si contendevano un serpente in volo.Bhè non tante persone preferiscono l’orto a una bella passeggiata una lettura shopping e tanto altro!!! A me comunque piace tantissimo e non vedo l’ora che tutto cresce rigoglioso anche se tra il tempo ballerino,gli afidi,le lumache e altro ti possono dare parecchi grattacapi uh!!! Naturalmente sperando che tutto vien su bene voglio mangiare tante buone verdure e visto che nell’orto sinergico convivono insieme anche piante aromatiche e fiori preparerò tanto sale alle erbe aromatiche e oleoliti alla calendula visto che ne ho piantate ben tre belle piantine.Ora qualche foto dei primi giorni dell’orto sinergico e poi pian piano le altre.Ho scritto già parecchio ma volevo mettere ancora qualche dato : sono circa 40m di bancale e abbiamo messo l'irrigazione a goccia,ecco con questo credo che sia quasi tutto ah ah ah!


giovedì 5 maggio 2016

PADELLA DI RISO NERO INTEGRALE VARIETÀ OTELLO


Si sa a me piacciono tanto i prodotti di stagione,i piatti semplici della tradizione,ma anche qualche eccezzione di altri paesi anche se alla fine in un modo o nell'altro qualcosa la cambio un ingrediente il procedimento e lo faccio come può piacere a me.Erano un po di giorni che desideravo cuocere il riso nero magari si pensa chissà da dove arriva niente di più sbagliato è un ottimo riso nero integrale varietà Otello ZACCARIA "ITALIANO" buono ma buono buono e neanche troppo caro!!! 
Allora avevo questo buonissimo riso una bella manciata di piselli freschi,ho comprato il resto e ho fatto una bella padella di riso o paella come la si vuol chiamare e su questo la mia cara amica spagnola mi fa una bella tirata di orecchie ah!ah!ah! 
INGREDIENTI
Riso nero
Piselli freschi
Peperone
Alette di pollo 
Salsiccia (la ricetta originale richiedeva il ciorizo) 
Mazzancolle
Aglio 
Brodo vegetale 
Paprika forte affumicata (volendo del semplice peperoncino)
Olio evo
Sale pepe 
PROCEDIMENTO
Naturalmente le quantità sono a secondo dei propri gusti.
Il riso lo cucino a parte ci vogliono circa 25 minuti di cottura dalla bollitura visto che viene messo a freddo in acqua,nel frattempo ho messo in una larga padella con dell'olio  le alette di pollo a rosolare,poi la salsiccia a pezzetti,una testina di aglio(che poi tolgo) il peperone a pezzetti,quando è tutto cotto ci aggiungo del brodo vegetale e i piselli,apena sono pronti le mazzancolle sgusciate e il riso scolato per bene,lo faccio insaporire per bene,il chicco del riso nero si mantiene sempre al dente,una spolverata di paprika forte affumicata spengo il fuoco un filino di olio manteco ancora un po' ed è pronto.


martedì 26 aprile 2016

SPAGHETTI CON ZUCCHINE E PROVOLONE IRPINO

 

Prima che finisce il mese di aprile voglio postare questa pasta che quest'anno ho fatto un po in anticipo visto che il bel tempo ha fatto si che al mercato arrivassero delle belle zucchine .
Questo piatto viene fatto nei ristoranti in costiera Sorrentina,Gli spaghetti alla Nerano, nella ricetta  "originale" le zucchine vengono fritte in abbondante olio poi tolto l'eccesso di olio e una metà messe a reidratare nell'acqua di cottura della pasta,io tutto questo non lo faccio,ma ho cambiato secondo i miei gusti. 
SPAGHETTI CON ZUCCHINE E PROVOLONE
Spaghetti di Gragnano,
Piccole zucchine,
Provolone del monaco (ho usato quello del mio paese Irpino) semi stagionato,
Parmigiano,
Basilico 
Aglio
Olio evo
Sale e pepe.
Ho messo due giri di olio in una padella con due spicchi di aglio schiacciati che poi ho tolto,e le zucchine tagliate a rondelle sottili,una volta rosolate ho aggiunto sale gli spaghetti al dente un po di acqua di cottura e fatti saltare spegnere il fuoco e aggiungere il provolone grattugiato a fori grossi una spolverata di parmigiano e tanto basilico,un po di pepe,saltare il tutto e buon appetito.




sabato 9 aprile 2016

RAVIOLONI DI BUFALA SU CREMA DI FAVE



Quando arriva la primavera con tutte le sue belle verdurine fresche mi piace tantissimo cucinarle ma soprattutto mangiarle,carcifi,cipollotti,zucchine,fave,poi quando ci affianco della buonissima ricotta e mozzarella di bufala biologica di Vannulo a Paestum,è una esplosione di gusto che mi rende contenta e soddisfatta anche dopo un po di lavoro che credetemi ci vuole.
Si ci vuole un bel po' di lavoro ; ) 

Per RAVIOLONI DI BUFALA CON CREMA DI FAVE 
Ci vogliono :
Fave fresche,
Del buon pecorino semi stagionato,
Cipollotto fresco


Bisogna sbucciare le fave e togliere la pellicina intorno,
Sofriggere un bel cipollotto aggiungere le fave un po di acqua sale pepe,stufare finchè non sono cotte poi nel bicchiere del frullatore a immersione insieme all'olio evo,delle scaglie di pecorino frullare e farne una bella cremina che va messa sul piatto e una volta cotti i ravioli adagiarli sopra un filino di olio e sono pronti.
Per i ravioli : la sfoglia,ho messo due piccole uova (di galline allevate all'aperto,che mangiano mais biologico ) per ogni 100 gr di farina 00,un filino di olio evo,sale.Per il ripieno ricotta di bufala,mozzarella di bufala strizzata e tritata,prezzemolo,parmigiano sale e pepe.

martedì 22 marzo 2016

CARBONARA CON CARCIOFI PECORINO E TARTUFO


In questo periodo si trovano dei bei carciofi soprattutto quelli di Paestum che sono belli freschi e carnosi,oltre che belli saporiti,allora preparo subito questa pasta che trovo favolosa 
CARBONARA CON CARCIOFI PECORINO E TARTUFO 
La pasta ll'ho fatta con 200 gr circa di farina di grano duro senatore Cappelli,400 gr farina 0,un girino di olio, 3 uova,sale,acqua tiepida qb.(per circa 6 persone)
L'ho lavorata ben bene fatta riposare una ventina di minuti e tirata con il matterello.
Per la carbonara ho messo a soffriggere pezzettini di speck,con un goccino di olio evo,(si può usare anche pancetta,guanciale) quello che si vuole volendo si tolgono e mettono in un piatto si aggiungono i cuori di carciofo tagliati sottilissimi un po di acqua della pasta e si fanno sufare per 5/6 m' si riaggiunge lo speck,si fa saltare la pasta e un po di acqua di cottura se ce ne fosse bisogno,e a parte in una zuppiera ogni due persone un tuorlo d'uovo un po di panna,pecorino grattugiato saltare il tutto rendendo tutto molto cremoso,impiattare e aggiungere il tartufo a lamelle.


mercoledì 2 marzo 2016

FOCACCIA CON PANCETTA E PEPERONI SULLA BRACE










Quando nei giorni invernali c'è il caminetto acceso e si hanno dei buoni prodotti,come una bella focaccia,comprata nella più buona panetteria,quella a legna del mio paese,ed è raro che non in Irpinia dove io abito ma neanche in Campania e in Italia credetemi!!! Trovare del pane e focacce cosi buone ; ) della pancetta fresca e un bel peperone siciliano,il tutto cotto sulla brace,
Il peperone rosso l'ho messo sul fuoco vivo,ho scottato la pelle l'ho messo in un sacchetto di carta e poi in uno di plastica,appena si è raffreddato l'ho spellato e condito con olio aglio,sale,pepe e prezzemolo,ho tostato un po la focaccia,arrostito la pancetta e la focaccia è pronta,che buona ; )